Dove Siamo: Sede del gruppo ANMI

La sede dell’associazione è in via Federico Coppola, 17 in Santa Maria di Castellabate (SA).

Castellabate:

san marco di castellabate

Ha gloriosa Storia:

Normanni, bizantini, saraceni, francesi, spagnoli, signorotti e feudatari se lo disputarono nel corso dei secoli non solo per la sua robustezza come fortezza, ma anche per la bellezza della sua posizione naturale. Ma andiamo alle origini.

Il territorio in cui si sviluppò Castellabate aveva visto prima che sorgesse il castello, la presenza di longobardi e normanni. I longobardi depredarono queste terre, ma dopo la conversione al cristianesimo, operata dai benedettini, furono benefattori della zona.

Essi diedero anche il nome al colle su cui più tardi sarebbe sorta Castellabate (colle del Santo Angelo): erano, infatti, devoti di S. Michele Arcangelo.

In questi territori ci fu anche la presenza dei monaci basiliani profughi dell’oriente, la cappella di S. Sofia, l’eterna sapienza, ne è una testimonianza.

Il lavoro più significativo fu svolto dai benedettini di Cava dei Tirreni:

La loro opera fu talmente meritoria durante la dominazione normanna, soprattutto per le bonifiche della zona, che il principe Guglielmo I concesse loro il privilegio di costruire una fortezza per difendere le popolazioni locali dagli attacchi dei saraceni che, stabilitisi nell’attuale Agropoli, compivano scorrerie nella zona. Il IV abate di Cava, San Costabile Gentilcore, inizio’ allora la costruzione del castello: era il 10 ottobre 1123.

Il paese si sviluppò intorno ad esso, prendendo così il nome di castello dell’Abate o Castellabate. San Costabile, eletto in seguito patrono di Castellabate, morì poco dopo aver iniziato la costruzione della fortezza ma l’opera fu proseguita dal suo successore, il Beato Simeone Abate V di Cava. Questi, nel 1138, concesse ai sudditi del paese un diploma di privilegi larghissimi: donò ad essi le case che abitavano e le terre che coltivavano, ridusse a metà gli aggravi e fece costruire un porto nel 1124 che sviluppò il commercio. Il castello riuscì di valido presidio alle popolazioni della zona e Castellabate divenne col tempo la più ricca baronia del Cilento.

Nel 1835 un privato acquistò per soli 1.000 ducati l’antico palazzo baronale ponendo fine così alla presenza dei benedettini nel castello: ora il castello è di nuovo di loro proprietà. In particolare la gente di Castellabate ha scritto gloriose pagine di storia risorgimentale tra le quali la battaglia contro le navi dell’ammiraglio Nelson assieme ai corsi, i moti del Cilento del 1848 che iniziarono proprio in queste terre. Il paese ha conservato caratteristiche medioevali, con pietra grigia e case intercomunicanti. (dagli appunti di Mons. Alfonso M. Farina).

Santa Maria di Castellabate:

santa marina di castellabate

Le prime notizie storiche su S. Maria risalgono al 1767, quando il villaggio col nome di S. Maria a Mare passò con altri beni feudali da Parise Granito marchese di Castellabate al figlio Angelo.

Preesistente all’insediamento vi era nel luogo la chiesa di S. Maria “presso il lido del mare”, menzionata dal 1102 come possesso della Badia di Cava e ben distinta dalla vicina chiesa di S. Maria di Gulia, anch’essa di pertinenza cavense.

Quest’ultima era ubicata a S. Marco di Castellabate ed è oggi scomparsa, mentre la chiesa di S. Maria sorta presso l’approdo marittimo detto nel medioevo Traverso, pur con notevoli trasformazioni sussiste ancora nello stesso sito dove fu edificata, se non prima, almeno nell’XI secolo.

Il porticciuolo di S. Maria.

Pur essendo per il passato non meno che ora un semplice approdo naturale, rivestí una notevole importanza per la nascita, lo sviluppo e le vicende militari di Castellabate, ma solo nel XVI secolo vi fu costruita la torre di avvistamento costiero, oggi inglobata nel palazzo Perrotta, che a suo tempo diede una qualche forma di protezione al primo timido insediarsi nel luogo di pescatori e gente di mare, che allora e dopo, qui come altrove, venivano tenuti lontani dalla costa dalle incursioni dei pirati barbareschi, non meno feroci dei loro antenati saraceni.

Di particolare interesse la Chiesa di S. Maria (orig. medioev. ma con sostanziali trasformazioni); torre costiera (XVI sec.); palazzo Granito (XVII sec.).

Ed ancora, il banco roccioso che si estende lungo il litorale fra S. Maria e la località Lago, in quanto è interessato in tutta la sua lunghezza da una cava antica di blocchi e rocchi di colonna, di cui molti ancora in sito. (tratto con modifiche da: Storia delle Terre del Cilento Antico, a cura di Piero Cantalupo e Amedeo La Greca)

San Marco di Castellabate

San Marco

Porto turistico accogliente e ricettivo, San Marco è ricca di testimonianze di storia greca e romana; scavi archeologici hanno permesso di ritrovare reperti tombali custoditi presso il Museo di Paestum.
E’ proprio dietro il porto che si può vedere quello che resta dell’antico porto greco – romano e non si esclude la presenza di antiche ville patrizie.

A ridosso dell’accogliente e delizioso centro, il bosco del Castelsandra è un parco naturale con diverse specie di vegetazione e sentieri naturalistici rilassanti. Attraverso un’ammaliante percorso naturale, sapientemente curato, accompagnati dal suono del mare, dal Porto si può arrivare alla Punta del Pozzillo, quando il sole si addormenta dolcemente tra colori incantati.

Ogliastro Marina

ogliastro marina

La Baia di Ogliastro e l’isolotto di Punta Licosa sono due tra le zone meglio conservate del Cilento costiero e costituiscono un vero e proprio caposaldo per la storia ambientalistica italiana. Gradevolissima in barca l’escursione sull’isola di Licosa (Leucosia) o a piedi nell’immensa tenuta verdeggiante, in uno scenario incantato di Pinus Alepensis, la pianta sacra dei Fenici che probabilmente la importarono e qui cresce spontanea, di secolari Pinus Pinea, coltivazioni di ulivo, di vite e cespugli di macchia mediterranea. Il fascino del posto è arricchito dalla suggestione del mito della Sirena Leucosia, che nella leggenda, ivi scomparve nel mare.

Zona Lago

Zona prosciugata dai monaci benedettini con il V Abate Simeone, nell’anno 1138, ai piedi del promontorio di Punta Tresino, folto di vegetazioni selvatiche, antico insediamento greco (Trezeni), si sviluppa il LAGO, divenuta frazione negli ultimi anni, grazie alla sua forte vocazione turistica. In prossimità dell’immensa spiaggia dorata ove rimangono, in grandi tratti, resti di macchia mediterranea e fiori particolari, sono presenti campeggi, villaggi ed alberghi.

[Fonte: sito web Comune di Castellabate]

Come raggiungerci:

treno-logo

Da Nord prendere il treno per Napoli e successivamente in direzione Paola o Sapri, fermata Agropoli-Castellabate.
Da Sud prendere il treno in direzione Napoli, fermata Agropoli-Castellabate. Proseguire in taxi/autobus per santa Maria di Castellabate.


auto-logo

Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, uscita per chi viene da nord Battipaglia, mentre Eboli per chi viene da sud, poi in direzione Paestum, uscita Agropoli Sud, poi in direzione Castellabate. Distanza 15 Km circa.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Dove Siamo: Sede del gruppo ANMI ultima modifica: 2014-09-17T22:43:28+00:00 da Gabriele Pinto